giovedì 23 febbraio 2017

Con l'arrivo della primavera chi non ha continuato a farlo per tutto l'inverno, si rimette in sella per delle gite più o meno avventurose sulla sua due ruote. Che poi anche se non è sua è lo stesso, purché il proprietario sia d'accordo.


E allora abbiamo pensato di proporvi degli itinerari che abbiamo sperimentato per voi in solitaria o in occasione di pedalate organizzate da RicicloOfficina.

Il primo che vi presento è questo anello Ravenna - Forlì - Ravenna interamente sugli argini dei fiumi Ronco e Montone che ho fatto in solitaria con grande soddisfazione. Il percorso è consultabile nella mappa che trovate in questa pagina.

Prima vi faccio una piccola scheda e poi vi faccio un racconto in cui troverete evidenziati i punti che sono segnalati anche sulla mappa.

SCHEDA PERCORSO

Difficoltà: Medio-Alta
Lunghezza: 77 Km circa
Insidie stagionali:

  • Inverno (oltre al freddo, occhio alle piene del Montone...poi vi dico perché)
  • Primavera (Perfetta, troverete la campagna in fiore, ma occhio alle piene del Montone)
  • Estate (Si sviene per insolazione, o per anemia dopo essere stati in balia di nubi di zanzare)
  • Autunno (sempre occhio alle piene)
Insidie annuali: Non ho certezze sullo sfalcio degli argini e mi sono trovato spesso in mezzo a sentieri cespugliosi.
Bici: Necessariamente una MTB, forse una Fat Bike può aiutare sugli argini, ma la maggior parte del percorso è comunque su asfalto.

IL RACCONTO

Io non sono partito proprio da Piazza del Popolo, ma vi propongo questo giro per inserire alcuni passaggi sperimentati in altre uscite. Attraverso il centro si arriva ad attraversare i Fiumi Uniti passando dal Ponte Nuovo. L'obiettivo sarà infilare il sentiero dell'argine destro dei Fiumi Uniti che potete vedere alla vostra destra mentre attraversate il ponte. Se seguite scrupolosamente i percorsi ciclabili vi ci vorrà un pò di tempo per accedere al sentiero. Tenete presente che è imboccabile direttamente dal ponte, ma nessun attraversamento è previsto e difatto accedere da lì è rischioso (oltretutto il transito sul ponte è vietato alle bici). L'alternativa può essere accedere all'argine da una delle salite che partono da via dell'Abete.
Seguendo il sentiero noterete che a un certo punto piega verso sinistra: vi trovate alla confluenza dei fiumi Ronco e Montone che, da qui formano i Fiumi Uniti. Personalmente apprezzo molto questo tratto così vicino alla città eppure così verde...
Alla fine del sentiero vi troverete a Madonna dell'Albero e davanti a voi vedrete la SS16 (e il ponte che le permette di superare il Ronco). Per superare l'ostacolo bisogna passare sotto il ponte scendendo per un breve tratto entro l'argine del fiume. Da qui in avanti si procede su una strettissima strada asfaltata fino a Ghibullo e poi fino a Coccolia. Questo tratto, sebbene su strada, è stato molto piacevole e leggero e se siete fortunati, di automobili non ne vedrete neanche una!
A Coccolia c'è un incrocio più trafficato, la strada si allarga e qualche macchina in più la vedrete, ma la situazione rimane decisamente tranquilla....
Si passa da Borgo Sisa (dove molti sostengono di aver mangiato i migliori cappelletti a una Festa dell'Unità), località divisa tra le provice di Ravenna e Forlì, e si arriva fino alla via Cervese. Qui si va a destra verso il centro città e la situazione traffico peggiora rapidamente. Potrei suggerire di andare verso la via Emilia girando a sinistra in via Bertini, ma la verità è che conosco pochissimo le strade di Forlì e ancor meno so dove potrei trovare delle piste ciclabili. Fatto sta che mi son dovuto arrangiare su marciapiedi sconnessi senza imbattermi in piste ciclabili...
Arrivati sulla via Emilia si va a destra verso il centro, verso Piazza Saffi per esempio. Quando sono arrivato ho avuto la fortuna (che poi dipende dai punti di vista se è una fortuna o no) di imbattermi nel mercato settimanale in cui ho curiosato un po' per poi fermarmi ai Giardini Orselli per un veloce pranzo al sacco e un breve riposo.

Se siete arrivati qui siete ovviamente a metà del percorso e probabilmente non avrete fatto nemmeno troppa fatica. La parte successiva del percorso è stata per me tutta da scoprire a cominciare dalla prima cosa da fare, ovvero capire se esisteva un accesso al sentiero lungo il Montone fin dalla città...

Attraverso il centro mi sono diretto verso Porta Schiavonia  da cui parte un breve tratto delle mura di Forlì. Così facendo ho attraversato un quartiere della città che non avevo mai visto e che mi ha piacevolmente sorpreso!
Arrivato in via Isonzo ho cercato un accesso al sentiero dell'argine destro del Montone e mi ci sono infilato: strettissimo con erbe che strisciavano contro le gambe e i pedali. Il sentiero continua così a lungo e prevede due attraversamenti: il primo è un passaggio sotto la circonvallazione e il secondo è un passaggio sotto il ponte della ferrovia. Il ponte della ferrovia è molto basso quindi il sentiero deve scendere all'interno dell'argine più del solito per consentire di superarlo. A velocità ridotta e con una marcia inadatta presto mi ritrovo in una enorme pozza di fango che sbarra completamente il sentiero: è il risultato di una recentissima piena del Montone che ha portato fino a questo livello una gran quantità di fanghi. Senza pensarci troppo mi ci butto dentro... in fondo per una uscita in MTB il massimo della soddisfazione è affrontare su due ruote un terreno insidioso, meglio ancora se melmoso!
Il fango è riuscito a fermarmi, proprio quando ne ero quasi uscito constringendomi a infilare un piede nella melma (tutto sommato un sacrificio da nulla!)
Inutile dire che se fossi passato di lì qualche giorno prima ci avrei trovato l'acqua e avrei dovuto rinunciare costringendomi ad un dietro front comprensivo di lunga deviazione su strada. 
Il percorso tra gli alberi lascia spazio ad ampie visioni della campagna e si arriva ad un punto in cui il sentiero dell'argine destro smette di correre a fianco di una strada (via Lughese) e si inoltra nella campagna. Da qui comincia un tratto decisamente più faticoso: il terreno è erboso o addirittura pieno di zolle che richiederebbero un'amortizzazione che non ho....il sentiero è sempre meno battuto fino a diventare un piccolo solco circondato da canne che sfregano sempre contro gambe, pedali e manubrio.
Qui in mezzo alla campagna è certamente il tratto più duro (ed è pure lungo più di 10 km!), ma senza dubbio quello più affascinante. Il sollievo di alcuni passaggi ben tenuti, poiché di servizio per le poche abitazioni presenti, si alterna ad un costante litigio con zolle e canneti. Anche l'argine opposto in questa zona sarebbe degno di una esplorazione sulla due ruote...
Quando si incrocia via Prada si potrebbe anche scegliere l'argine per la parte successiva, e forse quello sinistro è anche meglio. Per la cronaca sono rimasto sul destro.
All'altezza di Chiesuola finalmente ricomincia la strada anche sull'argine destro. Si continua passando per Ragone per poi arrivare fino all'incrocio di San Marco. Prima di arrivare qua sulla destra avrete notato via Pugliese: è la strada più breve per arrivare a Roncalceci e poi Ghibullo da Ravenna sugli argini, variante che si può usare per altre uscite in bici.
Dall'incrocio si continua sempre sull'argine destro, e di San Marco vedrete qualche edificio spuntare da dietro l'argine opposto, e si arriva alla Chiusa di San Marco. Da qui si sceglie da dove rientrare in città: io ho scelto di percorrere via Fiume Montone Abbandonato fino in centro utilizzando il sottopassaggio ciclabile che permette di attraversare la SS16. In alternativa potete proseguire sull'argine sinistro ed uscire all'Ipercoop, oppure passare sotto la SS16 e scendere in viale Alberti, oppure proseguire ancora passando sotto via Ravegnana e uscire al nostro primo accesso agli argini sul Ponte Nuovo.
Sia chiaro che alla fine del percorso io non ne potevo più, tuttavia, se non siete ancora sazi, da qui potreste passare sotto al Ponte Nuovo e proseguire verso il mare, ma questa è un'altra storia....




Percorso Ravenna Forlì Ravenna sugli argini dei Fiumi Ronco e Montone - La Mappa




domenica 19 febbraio 2017

E' un po' che non pubblichiamo un post sul nostro blog...

Riprendiamo oggi partendo da un doveroso ringraziamento a tutti coloro che fino ad ora hanno partecipato al progetto RicicloOfficina e lo hanno sostenuto: a chi ci ha donato bici, a chi ne ha comprata una, a chi ha lavorato con noi o da noi, a chi ha parlato di noi, a chi ha fatto la tessera, a chi ha sostenuto le nostre iniziative....

A questo punto vi segnaliamo che abbiamo aggiornato quasi tutte le pagine del blog e, a proposito di iniziative, facciamo un rapido riepilogo di quelle in corso ricordando volentieri chi le ha sostenute.
Manteniamo invece il massimo riserbo su quelle che verranno...un po' per precisione, un po' per scaramanzia.

La Fondazione del Monte ha finanziato un progetto in corso di svolgimento a cavallo tra 2016 e 2017. Il progetto prevede la conduzione di una serie di corsi che molto probabilmente coinvolgeranno utenti di Caritas e progetto SPRAR e culmineranno con l'apertura di due borse lavoro da svolgersi in officina.

Anche per il 2016 RicicloOfficina è stata adottata da Sapir (ci ha adottati anche l'hanno scorso e noi ringraziamo di cuore!) nell'ambito dell'iniziativa Adotta un progetto sociale, diventa un'azienda solidale. Questa adozione ci ha permesso di partire da febbraio 2017 con un nuovo ciclo di aperture al pubblico, sperando che a loro volta queste aperture ne possano sostenere altre! Per ora il giorno fisso di apertura è il martedì pomeriggio. Ci saranno anche vaie aperture di venerdì pomeriggio, ma non tutti i venerdì!!

Continua la collaborazione con Persone in Movimento: anche nel 2017 i locali di RicicloOfficina ospiteranno il laboratorio di riparazione bici interno al progetto SPRAR.

Per ora è tutto! A presto!!

mercoledì 10 giugno 2015

Da un'idea (non troppo) originale di Daniele, nostro abilissimo ex collega, vi proponiamo una ricetta di sicuro gradimento. E poiché di solito si rimane increduli sulla sua efficacia, ho generato una sequenza fotografica che non ammette dubbi.

Si tratta di pasta lavamani  autoprodotta riutilizzando dei fondi di caffè e aggiungendo un po' di sapone liquido anche di bassa qualità (e basso costo)....tanto il vero lavoro lo fa il caffè. 

Ecco gli ingredienti...


Per fare una dimostrazione di tutto rispetto, come un vero piazzista, non potevo che mostrarvi l'efficacia del prodotto sullo sporco più estremo. 
Sicché ho pensato bene di togliermi i guanti e prendere in mano un grappolo di catene luride di morchia e rigirarmele per un po' tra le mani fino a ridurle in uno stato pietoso (le mani, non le catene) 


Dopodiché ho applicato una pompata di sapone liquido e un pizzico di caffè...



...per poi sfregare le mani e impastare il tutto..


Sono bastati 2 giri di caffè+sapone per ottenere questo notevole risultato..


Per i grossi consumatori di caffè (che non riparano abbastanza bici da finire i fondi che producono) segnalo altri simpatici
 ri-utilizzi della granulosa polvere nera:

Scrub per il viso (applicando il caffè con un po ' di mile)

Deodorante per il frigo (infatti anche le vostre mani risulteranno deodorate)

Concime per le vostre pianticelle

Sturalavandini....ovvero se sono intasati è tardi, ma pare che diluire dei fondi nell'acqua che scorre negli scarichi mantenga le tubazioni pulite. 

Buon divertimento e...
un saluto a Daniele! 


domenica 1 marzo 2015



E' ormai di dicembre la bellissima notizia che quello di RicicloOfficina è risultato essere uno dei progetti sostenuti nell'ambito dell'iniziativa "Adotta un progetto sociale: diventa un'azienda solidale"
La piccola iniziativa che RicicloOfficina ha presentato ha l'ambiziosa finalità di formare alla gestione dell'officina una o due persone in condizioni di disagio per renderle autonome durante gli orari di apertura dell'attività. In seguito la persona (o le persone) formata potrà effettuare aperture dell'officina in autonomia sostenuta da una borsa lavoro. Questo permetterà di aumentare le giornate di apertura dell'officina generando una'ulteriore positiva ricaduta sulla cittadinanza.
Il finanziamento di 1000 euro che è stato ottenuto sarà per la maggior parte destinato alla copertura della borsa lavoro e in minor parte destinato al compenso del formatore. Il percorso formativo previsto è di 40 ore di cui la metà saranno svolte a titolo di volontariato.
Anche i materiali necessari per la formazione non rappresenteranno un costo poiché saranno messi a disposizione a carico dell'officina.
E ora i ringraziamenti!
In primo luogo alla Bcc Ravennate e Imolese finanziatrice dell'iniziativa e al Comune di Ravenna per il suo importante ruolo di mediatore.

Di seguito vi segnaliamo alcuni link che riguardano l'iniziativa:


http://www.ravennatoday.it/cronaca/dall-imprenditoria-35mila-euro-a-favore-del-volontariato.html

http://www.ravennawebtv.it/w/adotta-un-progetto-sociale-11-aziende-in-aiuto-del-volontariato/


mercoledì 5 novembre 2014



Tutto è pronto per la partenza del 1° corso PUBBLICO di riparazione biciclette organizzato da RicicloOfficina.

Eccovi le CARATTERISTICHE PRINCIPALI...
Rispetto alle normali attività in officina il corso si differenzia innanzitutto perché il tempo sarà completamente dedicato ai partecipanti senza distrazioni di alcun tipo.
Per rendere più produttiva ed efficace la lezione sono previsti 3 gruppi di massimo 4 persone, per un totale di 12 iscritti.
Per permettere di esserci anche (e soprattutto!) a chi di solito ha difficoltà con gli orari dell'officina si potrà segnalare le proprie disponibilità di orario: Cercheremo di organizzare gruppi e lezioni in modo da venire incontro alle necessità di tutti (ovviamente sarà impossibile accontentare proprio tuttituttitutti, ma ci si prova).
Infine sarà possibile scegliere 4 argomenti tra i seguenti che vi presento in ordine di complessità:
1) GOMME E FORATURE
2) FRENI
3) BLOCCO STERZO
4) MOVIMENTO CENTRALE E PEDALI
5) CAMBIO E CATENA
6) RUOTE

Date anche voi un'ordine di preferenza quando scegliete!...sempre perché organizzare accontentando tutti sia per orari che argomenti, sarà molto difficile (però ci si prova).



PER PARTECIPARE
Per partecipare sarà necessario sottoscrivere la tessera del progetto RicicloOfficina che ha un costo di 5 euro che va a coprire le spese assicurative per gli utenti che svolgono attività in officina. Chi ce l'ha già ovviamente non deve rifarla!!! 

Oltre alla tessera 
il corso ha un costo PURAMENTE SIMBOLICO DI 5 EURO!!

Non lasciatevi scappare quest'occasione: questa cifra è resa possibile dal Comune di Ravenna che finanzia completamente il corso.

La metà dei posti è inizialmente riservata ai residenti negli alloggi di Acer Ravenna (i nostri padroni di casa). Acer ne sosterrà la partecipazione coprendo completamente i costi previsti.



ALTRE INFORMAZIONI CHE VI SERVONO
1) la durata totale: 10 ore divise in 4 lezioni a tema da 2,5 ore ciascuna
2) il luogo: via capodistria, 17
3) per quanto mite è inverno e non abbiamo il riscaldamento
4) portatevi dei guanti sottili o di lattice
5) termine ultimo per le iscrizioni (farà fede il pagamento): 21 novembre...c'è tempo, ma è meglio affrettarsi visto che i posti sono limitati!

per iscriversi è necessario contattarci via telefono o e-mail (i contatti li trovate sempre qui sul blog) e possibilmente presentarsi in officina negli orari di apertura per saldare la quota di partecipazione.



giovedì 2 ottobre 2014

Il 4 e 5 ottobre siete tutti invitati al festival "Vegan in tla muraia"!!
RicicloOfficina parteciperà e avrà uno spazio dedicato. 



Gli orari di apertura del Festival saranno:

sabato 14.00-23.00
domenica 10.00-22.00

il nostro obiettivo è avere sempre attivo il nostro spazio in questi orari in modo da poter fornire informazioni a chiunque sia interessato alle nostre attività.
Porteremo alcune bici, materiali vari e....le ultimissime magliette rimaste! Acquistandole aiuterete il progetto a sostenersi...

Inoltre abbiamo organizzato due significativi eventi:

sabato alle 17.00  terremo un laboratorio pubblico di autoriparazione: chi vuole potrà portare la sua bici da riparare, noi forniremo attrezzi, consigli, aiuto.

domenica sempre alle 17.00 lo spazio RicicloOfficina ospiterà Alessandro Mercadanti, ecologista, vegano e scalzista che ha introdotto a Parma l'idea del ciclofabbro, ovvero un fabbro ecologista in bicicletta. Alessandro racconterà la sua esperienza e il suo progetto chiamato "Cargobagàj"

Vi sapettiamo!

sabato 13 settembre 2014

Lunedì scorso, siamo stati invitati ad un incontro pubblico a Fusignano per presentare la riciclofficina di Ravenna e per un gemellaggio ideale con la locale associazione  RUOTA LIBERA  portata avanti con entusiasmo da Mirko Caravita.
Abbiamo raccontato la nostra esperienza di volontari della riclofficina di Ravenna ma abbiamo sopratutto ascoltato le belle storie di alti invitati:
I grande ciclofabbro vegano scalzo Alessandro Natur'Ale con il suo CargoBagaj da Parma che avremo anche ospite del nostro spazio al vegan Fest di Ravenna il 5 ottore, i ragazzi della ciclofficina Velociclo di Sesto Fiorentino arrivati dopo 150 Km in bici stanchi ma neanche tanto e molto felici, i rappresentanti della Tribù Indigena di Castenaso (Fiab) e al padrone di casa Mirko di Ruota Libera.
E' stato bello esserci!